Certification Update – SQL Server 2014

Just arrived from Microsoft Learning

Certification Update – SQL Server 2014

To help students stay current with upcoming release of SQL Server 2014, all MCSE-level SQL exams (464 through 467) will be updated on April 24, 2014 to cover solutions based on both SQL Server 2012 and 2014 products.

The MCSA: SQL Server 2012 credential and associated exams (461/462/463) will remain in market without alterations. No MCSA: SQL Server 2014 credential will be released.

Details on the exam updates, in the form of side-by-side comparisons of exam objectives, are now available for review through the “content covering SQL Server 2014” link in the Skills Measured section of each Exam Detail web page:

Note While the exam numbers will not change, the product version (2012) will be removed from the titles of the exams. Updated Microsoft Official Courseware (MOC) will be available in May 2014.

Whether you have started on the path to earning your certification or are just about to begin, we recommend that you continue moving forward. For certifications on SQL Server 2012, the exams you take now will still count towards your certification.

For the latest information on upcoming changes to the certifications and related exams, please review our SQL Server FAQ.

Published Date: 03/13/2014
Expiration Date: 03/27/2014
Geography: Worldwide

 

Social Share Toolbar

Weekly readings, 2014-08

Social Share Toolbar

SQL Server Consolidation resources

Useful info and documents. On going compilation…

Key Points

Consolidation strategies
To be used in combination

  • Virtualization: use a single physical machine to host different VM;
  • Multiple instances: use a single machine to host different instances;
  • Multiple databases: use a single instance to host different databases;
  • Storage consolidation: centralize storage among different servers;

Theory

VMware

Virtualizing Microsoft SQL on VMware vSphere

 

Social Share Toolbar

Decrypt di oggetti SQL Server

Qualche giorno fa, mi sono trovato da un cliente nella condizione di dover decriptare alcune stored procedure lasciate in eredità da un ex dipendente sviluppatore. Ho risolto velocemente il problema con una ricerca su Google che mi ha (brillantemente!) suggerito di utilizzare questo tool completamente gratuito: dbForge SQL Decryptor e che ho provveduto ad aggiungere alla mia toolbox.

Mi ha molto incuriosito però il meccanismo con cui viene gestito il meccanismo di encrypting.

Come riportato dai books on-line di SQL Server, la clausola WITH ENCRYPTION indica che il testo della definizione originale dell’oggetto (view, stored procedure, function, trigger) sarà convertito in un formato non visibile direttamente in nessuna catalog view (ad esempio sys.sql_modules)  e non accessibile ad utenti che non hanno diritti di lettura su tabelle di sistema.

Il testo originale dell’oggetto sarà disponibile solo ad utenti che hanno i privilegi di accedere ad alcuni oggetti di sistema tramite DAC (nello specifico sys.sysobjvalues) oppure direttamente ai files del database.

CREATE PROCEDURE (Transact-SQL)

 

Social Share Toolbar

Compressione ed encryption dei backup con SQL 2005-2008

Con l’avvento del cloud e della possibilità di sfruttare le numerose piattaforme presenti sul mercato anche per mettere in un posto sicuro (!) i nostri backup, Microsoft sta migliorando notevolmente SQL Server da questo punto di vista. A partire dalla versione 2012 SP1 CU2 è infatti possibile effettuare i BACKUP TO URL specificando un container all’interno del servizio Windows Azure Storage. Dalla versione 2014 è stata poi introdotta la possibilità (aggiungo, finalmente!) di effettuare l’encryption dei nostri backup, qualità essenziale che pretenderei nel caso di backup off-site.

Ma, se avessi ancora SQL 2005-2008-2008R2 oppure volessi utilizzare l’encryption anche per SQL 2012? Microsoft ha pensato anche a questo. E’ stato infatti pubblicato Microsoft® SQL Server® Backup to Microsoft Windows® Azure®Tool che fa proprio questo, in aggiunta anche ad una peculiarità molto interessante che estende di fatto le funzionalità delle versioni più vecchie di SQL Server ossia quella di sfruttare indirettamente compressione ed encryption anche per i backup locali. Tralasciando l’encryption, introdotto nella versione 2014, ricordo che la compressione dei backup è (era) possibile solo con la versione Enterprise di SQL 2008 e dalla standard in poi per SQL 2008R2.

Ho voluto testare la funzionalità legata al backup locale perchè è interessante considerato che clienti con versioni fino alla 2012 (ancora la grande maggioranza dalla mia esperienza) potrebbero utilizzarla per approcciare il mondo cloud.

L’installazione del tool è molto semplice ed essendo prevista l’aggiunta anche di un nuovo servizio windows (SQLBackup2Azure), sarà necessario un riavvio del sistema.

service

All’avvio dell’applicazione, si passa subito alla creazione delle regole di backup:

AddRule

Il wizard presenta tre passaggi:

Step 1 – occorre definire il percorso, che sarà monitorato dal servizio appena installat,o e sul quale SQL Server andrà a salvare i file generati dalla procedura di backup. E’ necessario anche definire il pattern che identifica i file che vogliamo considerare dei backup (es. *.bak)

step1

 

Step 2 – in questo passaggio decidiamo se utilizzare  il nostro storage locale oppure Windows Azure Storage. In questo test utilizzeremo la prima opzione.

step2

 

Step 3 – Nell’ultimo passaggio, decidiamo se utilizzare encryption e compressione.

step3

 

La regola a questo punto è creata e possiamo anche chiudere l’applicazione. Il servizio in background monitorerà i percorsi che abbiamo specificato e si occuperà di fare tutto il lavoro in completa trasparenza nei confronti di SQL Server.

Se, a questo punto, proviamo a fare un backup di un database (nel mio caso il db si chiama TSQL2012) utilizzando il percorso c:\temp come destinazione ed utilizzando l’estensione .bak  per il file di destinazione come definito nella configurazione della regola, questo è il risultato:

res

 

Il servizio intercetta la scrittura del file .bak e crea un ulteriore file con estensione .bak.enc che conterrà il backup vero e proprio del database in modalità compressa e criptata. Il file TSQL2012.bak sarà solo uno stub che servirà per “ingannare” SQL Server al momento del restore:

bak

Social Share Toolbar

Reference material for SQL Server exam 70-462

70-462 Administering Microsoft SQL Server 2012 Databases

Skills Being Measured

Install and Configure

Maintain Instances and Databases

  • Manage and configure databases.
  • Configure SQL Server instances.
  • Implement a SQL Server clustered instance.
  • Manage SQL Server instances.

Optimize and Troubleshoot

  • Identify and resolve concurrency problems.
  • Collect and analyze troubleshooting data.
  • Audit SQL Server instances.

Manage Data

Implement Security

Implement High Availability

  • Implement AlwaysOn.
  • Implement database mirroring.
  • Implement replication.
http://www.microsoft.com/learning/en/us/exam.aspx?ID=70-462#tab2
 
Social Share Toolbar